Siti
Annunci di Lavoro

L'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

Il Processo di Produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

L'aceto balsamico tradizionale di Modena DOP merita certamente la fama universale conquistata ed il sapore inconfondibile è frutto della combinazione di materie prime e processi di produzione che si perpetuano dall'anno Mille.

Tutto ha origine da un mosto ottenuto pigiando le uve tipiche del modenese e lasciato macerare con le bucce per accrescerne il caratteristico sapore. Il mosto viene poi cotto per 24 ore, a fuoco lento e a vaso aperto, e durante la bollitura si assiste ad una vistosa riduzione, dal 30 al 70 per cento.

Questo non è però che l'inizio della produzione dell'aceto balsamico che richiede altre cure durante il processo di affinamento e fermentazione in botte, anzi in botti.

L'acetificazione prevede, infatti, il travaso in diversi botti nel corso degli anni durante i quali il profumato condimento passa attraverso botti in rovere, castagno, ciliegio, frassino e gelso e ciò per un tempo minimo di dodici anni.

Tale invecchiamento contribuisce in maniera determinante alla produzione di un prodotto agroalimentari unico per la tipica densità simile a quella degli sciroppi, l'aroma penetrante e al contempo dolce, e il profumo intenso.

Assaggiandolo si comprende immediatamente l'unicità dell'aceto balsamico tradizionale di Modena, mentre quando lo si acquista è necessario fare attenzione alla bottiglia dall'inconfondibile design ed al sigillo di garanzia che ne attestano la qualità.

Navigare Facile